Seguo il blog di Paolo Ratto da qualche mese e mi piace, perché c’è sempre tanta buona e puntuale informazione! Io non ho un mio blog… Ogni tanto ci penso e lo metto nella “to do list”… ma poi il tempo non ce l’ho mai!

Ieri Paolo mi dice: “Dato che non hai un blog ti presto il mio!” .. divertente mi sono detta! Grazie Paolo.. ed ecco spiegato il perché di questa mia incursione nel suo(questo) blog.

@cristinasimone è Cristina Simone, 28 enne trapiantata a Milano per fare la Social Media cosa..(mi trovate qui)

Ma voglio essere una brava guest blog,per cui arrivo subito al dunque. Oggi parliamo di: “Strategie da NON copiare sui Social Networks. Il caso di Silvian Heach!”

Conoscete tutti questo brand? No problem, la pagina Facebook di Silvian Heachdice che “è un brand dinamico, originale, raffinato e di tendenza prodotto e distribuito da Arav Fashion Spa. Il marchio Silvian Heach è il risultato brillante ed innovativo del lavoro di un team di professionisti”. (Mi concedo già di fare l’irriverente e mi/vi chiedo: anche quelli del web marketing faranno parte di questo team?).

Fatto sta che l’azienda decide di assumere come testimonial per la nuova collezione primavera/estate 2011, l’amatissima e, allo stesso tempo, odiatissima Chiara Ferragni, fashion blogger Milanese di The Blonde Salad.

Sulle pagine facebook di Chiara e Silvian Heach iniziano a comparire le prime foto dei cosidetti “outfit”: PATATRAC!! Alle fan la Ferragni non piace e lo scrivono sull wall di facebook… PATATRAC bis!
I professionisti del marketing (cfr sopra) che fanno? Ma che domande!! Iniziano a cancellare i commenti che non gli piacciono!!!

Sfortuna loro vuole che ci sia anche Susy, blogger di Talk is Cheap, tra quelle a cui hanno cancellato i commenti! Susy, però, non ci sta e scrive un bel post che potete leggere qui e .. il buzz fa il resto!!

In poche ore la bacheca di facebook del brand si trasforma in una vera e propria battaglia digitale tra le ragazze che criticano la nota fashion blogger, le foto troppo ritoccate e poco vere e l’azienda incapace di rispondere se non con frasi banali del tipo “il mondo è bello perchè è vario!”.

Da Social Media Specialist non posso che essere INDIGNATA e SCONCERTATA da questa strategia (???) Social! Eh si perchè quando un brand, piccolo o grande che sia, decide di essere sui social networks deve essere consapevole tanto delle potenzialità, quanto dei rischi a cui può andare incontro!

Non si va sui SOCIAL NETWORK se non si vuole ASCOLTARE, PARLARE, COINVOLGERE i propri consumatori/clienti.
Non si va sui SOCIAL se non si ha una strategia.
Non si va sui SOCIAL se non si ha intenzione di essere TRASPARENTI.

Silvian Heach è, purtroppo, una Case History di INSUCCESSO sui SOCIAL MEDIA.
Cosa poteva fare?

  1. Informarsi sulla Ferragni (sul suo blog/pagina facebook succede di tutto) per avere pronta una strategia da utilizzare per le anti-Ferragni;
  2. Coinvolgere le fan, far scegliere loro la testimonial che meglio le rappresentasse;
  3. Ascoltare e non bannare le fan che criticavano la scelta.

Cosa può fare adesso Silvian Heach?

Cambiare SUBITO strategia e .. chiedere una consulenza a me e Paolo!

Leggi anche la nota che ho scritto su facebook