Nuovi strumenti. Vecchi paradigmi…

I nuovi strumenti sono Facebook, Twitter, YouTube e persino Pinterest.

Sociali? Senza dubbio. Democratici? Abbastanza. Bidirezionali? Assolutamente si.

I vecchi paradigmi sono l’aggressione, l’invasione, la ridondanza, l’idea di occupare lo spazio davanti agli occhi delle persone, il più possibile e senza alcun ritegno.

Sociali? Poco. Democratici? Ancora meno. Bidirezionali? Assolutamente no.

E così capita che azioni molto creative, di grande impatto visivo, messe in piedi su canali considerati smart, lascino in eredità qualche sensazione (per lo meno) contrastante. Ed è un peccato.

Dalla teoria alla pratica?

  • Più twitti con l’hashtag giusto, più scopri le location dei concerti segreti, più ne vinci i biglietti, con il Ticket Hunter di LG;
  • L’invasione (a pagamento) di YouTube da parte di PrezziPazzi.com con tanto di utenti infuriati (ma come non conoscete Tere Bongio?!?).

Che ne dite? Riusciremo mai a modificare le dinamiche di questa “non evoluzione”?