Davvero pochi gli strumenti che hanno il potere di mettere d’accordo tra loro categorie professionali e lobby da sempre molto “difficili”.

Ebbene, Groupon ci riesce sempre alla grande.

E dopo dentisti, medici, avvocati e architetti… è il turno dei giornalisti.

Più democratico di così…