In questo settore in continua, frenetica e (spesso) nevrotica evoluzione, capita che quando meno te lo aspetti, e soprattutto da chi meno te lo aspetti, arrivino sorprese gradite.

E’ il caso di So.cl, il progetto social di Microsoft, che viene svelato come…

…a research experiment for students focused on combining web browsing, search, and social networking for the purposes of learning.

E, tralasciando le funzionalità tecniche, vorrei che riservassimo una riflessione proprio all’ “obiettivo apprendimento” e al legame frizzante che si può creare tra la didattica e le piattaforme di social networking.

Per il resto, trovo molto interessante che il team di Microsoft non si sia lanciato sulla creazione dell’ennesimo social network generalista (la partnership piuttosto salda con Facebook lasciava comunque presagire la non concorrenza diretta), ma abbia cercato di focalizzarsi su qualcosa di verticale, identificando nelle comunità di apprendimento un target di nicchia ma molto interessante per lo sviluppo di un progetto sociale.

Per una volta la convergenza è stata messa in cantina e l’idea sembra essere quella di costruire il tanto desiderato social layer (lo strato sociale per migliorare la pretinenza del motore di ricerca, in questo caso Bing), in maniera un pò differente dalla concorrenza (leggi… Google!)

Che ne dite?

Hanno parlato dell’argomento anche il Tagliablog, Punto Informatico e DownloadBlog.