Una libera traduzione di Davide Pozzi mi ha dato la possibilità di (ri)scoprire un personaggio del calibro di Paul Adams.

Tralasciando la sua “avventurosa” storia personale fatta di un passato a Google, di un presente a Facebook e di un libro che (sembrerebbe) non vogliano fargli pubblicare, mi voglio soffermare sulla sublime presentazione di Paul, che ha fornito le basi (sociologiche) al progetto Google +.

Tale documento dal titolo “The real life Social Network” non solo deve rappresentare una delle fondamenta per chi opera nel settore dei Social Media, ma può essere una mezz’oretta ben spesa per tutti coloro i quali sono incuriositi dal fenomeno Social Web.

Così, se vi chiedevate l’origine delle famigerate cerchie alla base del social gioiello di Google… ora avete la vostra risposta.

E il fatto che uno dei i padri “spirituali” di G+ ora lavori a Facebook, potrebbe essere una nuova fonte di riflessione…