Viralità è una di quelle parole (avete presente storytelling…?!?) da qualche tempo sulla bocca di tutti gli attori del settore comunicazione online. Agenzie, consulenti e aziende non lesinano rispettivamente nel proporre o nel richiedere la ricetta della viralità, investendola di un ruolo chiave in un’iniziativa di marketing online. Naturamente tutto ciò è amplificato dalla costante attenzione nei confronti del sempre più “pompato” video marketing.

L’ottimo Stefano Principato ha pubblicato proprio un video che può aiutarvi nel comprendere quali siano i meccanismi che rendono una campagna virale (seguendo il link potrete trovare anche una lista dei video più virali degli ultimi tempi).

Ciò che mi preme sottolineare (e che dico spesso a tutti i clienti, amici o semplici curiosi che me lo chiedono) è che la viralità non può essere “trovata” attraverso meccanismi definiti nel dettaglio, poichè ha a che fare con qualcosa di incotrollabile, le emozioni umane. Non sorprendetevi pertanto se un video o un’iniziativa che proprio non incontrano il vostro gusto, piacciono e riscuotono un successo esagerato (e non stupitevi pure nel caso contrario).

Per cercare invece di capire quale possa essere la soglia che trasforma una campagna da “normale” a virale, sono solito fare riferimento ad un video proposto dal grande Seth Godin. In questo caso credo che le parole siano superflue…

 

Per approfondire sul tema viralità e video marketing vi consiglio queste “letture”: