Abbiamo appena oltrepassato quella che è stata la settimana del bombardamento mediatico per il matrimonio di William e Kate, evento cross-mediatico propostoci in “tutte le salse” con una certa (fastidiosa) insistenza.

E neanche a farlo apposta, proprio in questo fine settimana, mi sono per puro caso imbattutto (cara serendipità…!) in una curiosa storia tutta italiana.

La storia di una coppia di fidanzati, in procinto di coronare il sogno di sposarsi, grazie ad un’incredibile iniziativa partita da un blog, da una pagina Facebook e soprattutto da una grande idea: Mi sposo con lo sponsor. Ovvero, quando col Social Web ci si sposa

Incuriosito dalle abilità strategiche della coppia, e dall’idea di proporvi una case history di successo, per quanto riguarda l’utilizzo degli strumenti del Web Sociale in maniera innovativa, ho deciso di contattare Elisa e Walt e di proporgli una breve intervista

Ciao Elisa e Walt. Io vi ho “scoperto” su Twitter, ma facendo una rapida ricerca sul web, non può sfuggire il fatto che siete già abbastanza conosciuti. Sul blog vi dichiarate…br />

2 ragazzi giovani,una casa appena acquistata,prole al seguito e pochi soldi,ma tanta voglia di convolare a nozze!qdi abbiamo creato qto blog per trovare sponsorche desiderino offrire dei benefits e/o sconti alle nostre nozze in cambio di pubblicità!

Molto interessante. Ci raccontate brevemente la vostra storia?

Mi chiamo Elisa e il 28 dicembre ho creato il blog “Mi sposo con lo sponsor”, con lo scopo di trovare sponsor per le nostre nozze. Io e il mio fidanzato abbiamo di recente acquistato casa; io ho anche una bimba di 7 anni e ci saremmo sposati con quel poco che avevamo…Poi una sera l’illuminazione: trovo sul web un articolo che parlava dei matrimoni sponsorizzati negli Stati Uniti…e così ho deciso di provare! La nostra storia, considerata innovativa,è finita poi su alcuni giornali, in tv e in radio e quindi le proposte sono aumentate in misura esponenziale! Nel giro di pochissimo siamo riusciti a trovare sponsor per tutti i servizi (a parte il ristorante)… E per le nostre nozze spenderemo pochissimo e non dovremo fare alcun tipo di rinuncia (inizialmente pensavamo di abolire almeno il servizio fotografico e i fiori)!

Complimenti ragazzi! Avete creato un bel “casino”: web, televisione, stampa: un progetto di comunicazione integrata, da far invidia a molte aziende. Va bene l’ispirazione statunitense, ma in che modo siete riusciti ad elaborare una strategia cosi efficace?

Diciamo che l’idea è venuta dal nulla e non credevamo assolutamente che questa iniziativa potesse essere così appetibile. Avevamo messo in conto che la nostra pagina sarebbe finita presto nel dimenticatoio e invece siamo stati fortunati perchè siamo stati “notati” subito da qualche tv e giornale locale che ci hanno dato la giusta spinta per proseguire nel nostro intento.
 
Tutto “fai da te” o c’è la mano di qualche professionista? Ad analizzare tutto il piano c’e’ davvero da tirarsi giù il cappello. Ciò, come sicuramente vi avranno già chiesto, “puzza” un pò troppo di marketing. Come rispondete a questa osservazione?

Assolutamente tutto fai da te! O meglio fai da me! Fino a qualche mese non sapevo davvero come funzionasse un blog; diciamo che giorno dopo giorno grazie all’aiuto di semplici guide presenti sul web ho imparato a migliorare e indicizzare il nostro blog.questo ha richiesto da parte mia molto tempo ma per noi è stato importante fin da subito investire in questo progetto per dare ai nostri sponsor la giusta visibilità.

Perchè secondo voi gli sponsor sono accorsi cosi velocemente? Empatia, entusiasmo per questo nuovo approccio compartecipativo o effettivo vantaggio per il business?

Diciamo che per tutti questi motivi messi insieme! Sicuramente chi ha aderito inizialmente lo ha fatto soprattutto per simpatia o perchè alla ricerca di nuove sinergie…non era neanche lontanamente immaginabile che il progetto avrebbe avuto successo.chi ha aderito in un secondo momento, invece, ha sicuramente creduto di più in un ritorno commerciale considerata la diffusione della notizia attraverso i media.

Quanto reputate importante il fatto di aver acquistato visibilità sui mass media (tv e stampa) ha giovato al vostro obiettivo?

Molto,soprattutto in fase di start up.ci ha permesso di dare un valore aggiunto all’iniziativa facendoci acquisire maggiore credibilità nei confronti degli sponsor che avevano già aderito(alcuni dei quali ci hanno presentato nuovi sponsor) e suscitato interesse in altre aziende e commercianti.

Tornando al web, che poi è il settore che più mi interessa, la vostra strategia è davvero impressionante per completezza: un blog come hub “di raccolta” e “motore” di spinta dei vari sponsor, coadiuvato da vari social network (la pagina facebook è molto attiva!), una spruzzata di pubblicità anche sui motori di ricerca e addirittura i buoni sconto per i lettori. In che modo avete gestito tutto ciò?


Diciamo che inizialmente è stato un “gioco”che poi è diventato giorno dopo giorno sempre più importante; non avendo poi l’aiuto di altre persone nelle gestione ci ha assorbiti parecchio però ci ha dato molte soddisfazioni prima tra tutte le numerose mail di coppie che vivono una situazione simile alla nostra e ci chiedono consigli. Con il diffondersi dell’iniziativa abbiamo iniziato a farci venire in mente qualche idea per dare la giusta visibilità agli sponsor:abbiamo così creato i buoni e una newsletter. I social nework d’altro canto hanno giocato un ruolo fondamentale perchè ci permettono di tenere alta l’attenzione sull’iniziativa.

L’obiettivo e’ raggiunto. Presto le nozze. Che cosa questa incredibile esperienza vi lascia, riguardo al web e a tutti i suoi strumenti, senza i quali tutto ciò sarebbe stato forse impossibile da realizzare?

Sicuramente ricorderemo questa esperienza con gioia e soddisfazione perchè fino a qualche mese non pensavamo fosse possibile con i nostri pochi mezzi riuscire a portare a casa un così buon risultato! Non solo abbiamo raggiunto il nostro obiettivo ma abbiamo imparato tantissime cose in termini di social network e marketing! Come si dice…impara l’arte e mettila da parte!!!

E ora mi rivolgo a voi, miei cari lettori. Che cosa ne pensate della geniale iniziativa messa in piedi da questa giovane coppia? Non credete che possa fare invidia anche a brand consolidati che faticano a trovare il proprio “spazio” negli ambienti del Social Web? Discutiamone insieme…