“Le mille bolle blu” cantava, esattamente 50 anni fa (neanche a farlo a posta, al Festival di Sanremo) la grande Mina…

E, ironia della sorte, da qualche giorno a questa parte il mio “fido aggregatore” si è riempito di articoli che parlano di bolle (o di bubble) ma non nel senso in cui (penso!) intendesse la Tigre di Cremona

De Biase, che seguo costantemente con attenzione, definisce la bolla internet come…

…una bolla finanziaria (internet è la scusa non la sostanza). Si forma su un’ideologia che abbaglia, impedisce l’osservazione della realtà dei fatti e costruisce una storia nella quale trascinare gli investitori. Fintantoché riguarda le aziende che si comprano tra loro, anche a suon di miliardi, sono relativamente fatti loro. Ma quando comincia la ricerca dei soldi dei risparmiatori, cioè quando parte la bolla vera e propria, sono guai. Sia per le famiglie coinvolte che per le aziende che perdono focalizzazione sul business e si mettono alla caccia di soldi facili. (dal blog di Luca de Biase)

Per approfondire non posso far altro che consigliarvi i migliori articoli hanno parlato della nuova bolla di internet (al loro interno troverete molti link di rilievo)…

Chiudo con un’infografica, del Guardian, sul problema finanziario, perchè spesso un’immagine rende più di tante parole…

clicca sull’immagine per ingrandire

Vi invito ad espormi i vostri pensieri sul tema. Vediamo che cosa salta fuori…